Normativa

Normativa e Documenti

Ecco l’art.10 che ha dato ulteriore impulso all’affermazione e allo sviluppo della consulenza indipendente:

“Art. 10, comma c) “prevedere nei confronti del pubblico, a titolo professionale, dei servizi e delle attività di investimento sia riservato alle banche e ai soggetti abilitati costituiti in forma di società per azioni nonché, che l’esercizio limitatamente al servizio di consulenza in materia di investimenti, alle persone fisiche in possesso dei requisiti di professionalità, onorabilità, indipendenza e patrimoniali stabiliti con regolamento adottato dal Ministro dell’economia e delle finanze, sentite la Banca d’Italia e la CONSOB. Resta ferma l’abilitazione degli agenti di cambio ad esercitare le attività previste dall’ordinamento nazionale”

I 4 pilastri della consulenza Fee Only

  1. L’esistenza di un rapporto bilaterale e personalizzato fra il consulente e il cliente, fondato sulla conoscenza degli obiettivi di investimento e della situazione finanziaria del cliente stesso, così che le indicazioni siano elaborate in considerazione della situazione individuale dello specifico investitore.
  2. La posizione di strutturale indipendenza del consulente rispetto agli investimenti consigliati.
  3. L’inesistenza di limiti predeterminati in capo al consulente circa gli investimenti da consigliare.
  4. L’unica remunerazione percepita dal consulente sia quella ad esso pagata dal cliente, nel cui interesse il servizio è prestato.

ARTICOLI CORRELATI: